Programmare era un lavoro da donne

Ancora alla fine degli anni '60 la situazione non era cambiata: la programmazione era un lavoro da donne.
In un’intervista dal titolo “The computer girls” pubblicata sul giornale Cosmopolitan del 1967, Grace Hopper – la più famosa “influencer” dell’epoca – cerca di convincere le donne americane a diventare programmatrici perché pur essendocene già ventimila ne sarebbero servite almeno altrettante.
Lo fa utilizzando degli stereotipi di genere:


          Programmare è come organizzare una cena… 
          richiede pazienza e abilità di gestire i dettagli.
          Per le donne programmare è ‘naturale’.


Insomma serve un’attitudine che tutte le donne hanno naturalmente: quella per l’organizzazione. Poi certo, scrive l’articolista, ci vuole anche una mente logica.
Programmare
Source: Cosmopolitan

Quindi: ancora alla fine degli anni sessanta, negli USA programmare (nel senso di Coding) era un lavoro esclusivamente da donne. A nessuno saltava in mente di contestare la capacità delle donne di scrivere programmi complessi.
L’associazione tra programmazione e mascolinità in quel momento non era ancora parte della cultura comune.
Lo diventerà qualche anno dopo.

Prossimo pannello:  Le donne sotto i riflettori

© Codexpo.org - Content released under Creative Commons 4.0 BY/SA/NC

Versione: 12/01/2022 - 19:23:48

Pannelli

Genere                      
Programmatrici nel mondo    
Pregiudizi                  
Intelligenza delle donne    
Coding                      
ENIAC_girls                 
Un lavoro da donne          
Le donne sotto i riflettori 
Le donne in ombra           
Spostamento di valori       
Associazioni                
I movimenti                 
🔎